Prodotti

Vedi il carrello "Montepulciano d’Abruzzo D.o.c. Girone dei Folli" aggiunto correttamente al carrello.
Marina-Cvetic-Montepulciano
COD: VR004.
Produttore:

Montepulciano d’Abruzzo D.o.c Riserva Marina Cvetic

€ 23,24 I.V.A. inclusa
Disponibile

Siamo di fronte ad uno dei nomi di riferimento quando si parla del vitigno montepulciano in terra abruzzese; Masciarelli, in quel di San Martino sulla Maruccina, in provincia di Chieti, è considerato uno dei più importanti interpreti di quest’uva, difficile da affrontare, che crea non pochi rompicapo sia a chi ne vuole ottenere versioni tradizionali che moderne. Il Marina Cvetic Montepulciano d’Abruzzo D.o.c. ha un colore rosso rubino denso, fitto, quasi impenetrabile di ottima limpidezza e grande consistenza. Impiega qualche minuto ad aprirsi al naso. L’apertura è di frutta rossa matura dove in particolare scorgi una ciliegia nera e polposa in confettura e sotto spirito e l’amarena, in ogni sua forma. E’ frutto denso, intenso e persistente, scuro e concentrato che ben supporta la grande speziatura, in parte del vitigno e in parte del legno che, dapprima ruvida e cupa, volge in sentori sempre più morbidi e dolci. Completa il quadro un’intensa sensazione di liquirizia. Al gustativo conferma il suo carattere deciso. Il possente tannino, a ben gustare, si fonde magicamente in un quadro fruttoso di maestosa potenza e lunghezza. Si avverte il legno, mai prevaricante. Su tutto, invece, la frutta rossa matura, intensa e persistente, in confettura e sotto spirito, le spezie e la liquirizia, il pepe nero, la bacca di ginepro. E’ vino originale, di carattere, longevo e per nulla banale, in grado di regalare – se contemplato con la dovuta pazienza e rispetto – grandi momenti di piacere.

12 disponibili

Descrizione prodotto

Uvaggio
Montepulciano 100%

Il produttore
Sulla vigna ha impostato la vita sua e della famiglia, così come lo era stato per lui dai suoi genitori e dal nonno in quel di San Martino sulla Marrucina, un paese in collina in provincia di Chieti. Gianni Masciarelli è riuscito a concretizzare il sogno di una viticoltura con un approccio molto attento alla vite, al territorio, allo spirito della sua terra. Alla vigna ha dedicato energie fisiche ed intellettive senza risparmiarsi, spingendo al massimo fino a che il fisico gli ha presentato precocemente un conto troppo salato. Gianni Masciarelli ha dato molto ma ha avuto anche molto, una moglie, Marina Cvetic, che gli ha dato tre figli e che ha condiviso con lui obiettivi ed impegni, capace di trasformarsi all’occasione in sua preziosa sostituta. Ha avuto la stima di colleghi vignaioli che come lui lavorano seguendo una loro idea, spesso non condivisa dalla critica e dal pubblico, ma che traspira un valore umano palpabile. E’ successo con Edoardo Valentini, amico e maestro che, in tempi di vino anonimo con Trebbiano e Montepulciano senza anima né corpo, vitigni considerati senza speranza persino dagli enologi più esperti e blasonati, era riuscito a renderli unici ed era riuscito a passare in qualche modo a Gianni Masciarelli la sua esperienza e quella stessa carica che in tutti questi anni gli hanno consentito di diventare un mito, non solo in Abruzzo, ma in tutta la penisola. L’intento di Masciarelli era quello di valorizzare al massimo queste uve e dimostrare che, se si studia seriamente il terreno su cui è giusto impiantare, se si opera una selezione clonale accurata, se si dà realmente il tempo alla natura di consentire a queste piante di acclimatarsi (e ci vogliono almeno vent’anni), soltanto allora si potranno ottenere dei risultati veri, non dettati dal caso, ma dalla grande esperienza maturata, dalla capacità di sapere interpretare il vitigno, l’annata e tutte le possibili varianti che si presentano durante il ciclo riproduttivo delle piante. E’ così che arrivò a produrre i vini “pensati”, senza scorciatoie, senza trucchetti, senza ragionare in termini di business. E per fare questo ci è voluto un amore viscerale per la propria terra, un grande rispetto per la natura ed una forza di volontà incrollabile. Tutto questo era ed è ancora oggi Gianni Masciarelli, che ci ha regalato ogni anno, senza sbagliare un colpo, degli autentici gioielli enologici. In quasi trent’anni ha esteso l’Azienda a 400 ettari con vigne in diverse zone d’Abruzzo e più cantine. Ha acquistato nelle terre più difficili, conscio che potevano dare vini unici. Gli insegnamenti di nonno Giovannino gli sono stati utili “se sai di essere nel giusto continua fino in fondo ed investi in persone che si dimostrano fedeli e pronte a dare, riceverai da loro molto di più di quanto immagini”.

Vinificazione ed affinamento
Le uve sono vendemmiate a mano, per preservare i grappoli perfettamente integri durante il trasporto al centro di pressatura. La prima fermentazione alcolica si svolge in serbatoi di acciaio inox ad una temperatura controllata (impianto per il freddo) di circa 28-30°C per un periodo di 15-20 giorni e successiva criomacerazione per 20-30 giorni. La fermentazione malolattica viene svolta totalmente a seguito di interventi enologici per incrementare la cessione dl sostanze dalle bucce (capello sommerso).

Servizio ed abbinamento
Da bere ad una temperatura intorno ai 16-18°C; Un ottimo vino che può accompagnare carni alla brace, filetto di manzo con tartufo nero.

Disponibile nella versione
Bottiglia 75cl

Provenienza
Abruzzo

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Scrivi la prima recensione per “Montepulciano d’Abruzzo D.o.c Riserva Marina Cvetic”